Il sito del Laboratorio di Politiche Sociali

L’attenzione nei confronti dei sistemi locali di welfare è dovuta a diversi fattori. Alle tradizioni analitiche proprie dei contesti, come l’Italia, caratterizzati da spiccate differenziazioni territoriali, e da specificità locali in ambito storico, politico-istituzionale, socio-economico. Ai complessi processi di riconfigurazione scalare delle responsabilità e competenze relative alle politiche sociali, soprattutto a partire dagli anni 1990. Al fatto che i ‘nuovi rischi sociali’ tipici del post-fordismo richiedono, più che in passato, la fornitura di servizi (come i servizi di cura o i servizi all’impiego), che necessariamente implicano un ruolo più rilevante dei livelli locali di governo. Non ultimo, al fatto che, specialmente in tempi di crisi economica e di austerità, i governi locali si trovano ad essere in prima linea di fronte a bisogni sociali più diffusi, più gravi, più diversificati. Strette tra bisogni sociali in aumento e risorse disponibili in diminuzione, le città diventano spesso veri e propri laboratori di innovazione sociale e istituzionale. Il Laboratorio di Politiche Sociali è stato coinvolto in numerosi studi sul welfare locale, con tagli e approcci diversi (v. WILCO, FLOWS, COHSMO).